mercoledì 19 novembre 2014

LE STRONCATURE CHE NON TI ASPETTI (2014) di AA.VV. Cap.5


Chi siamo noi, per Giudicare ?  
E LORO ?

E' proprio vero che l'unica cosa a mettere davvero tutti d'accordo è l'andare a cagare produrre deiezioni ?

Perché  'cinefilo' 'cinofilo' sono tra i cambi di vocale stupidi più utilizzati ?

Esiste L'Opinione Che Conta sopra tutte le altre ?


Dò la stura con fragrante entusiasmo quanto soddisfazione alla quinta edizione della Sagra Tuttoveromaperdavvero,continuando estenuato la ricerca di risposte difficili a domande un po' meno ma senza ricordare ai lettori, come fatto le volte precedenti, di quanto mi smazzi per la selezione precisa e spesso tristissima dell'attendibilità di quanto riportato a proposito dei basamenti su cui poggiano le fondamenta della Settima Arte.
Entusiasmo motivato dalla presenza, finalmente, della pellicola che riesce a fregiarsi dell'ambitissimo premio BASTAVIPREGOPERFAVORE® ossia dell'Impensabile Caposaldo di cui ho reperito la maggior quantità di Compattato Solido Agreste in giro per l'Internet...Ma quale maggior quantità? Ho dovuto letteralmente smettere la cernita per raggiunti limiti di spazio di raccolta nel pianale.
Soddisfazione, invece, nel rimirare sopra l'immaginario caminetto alimentato a sterco di yak, un trofeo di caccia insperatissimo: la stroncatura forbita e bizzosa di una di quelle pellicole che, nella mia ricerca dello smerdatore definitivo, ancora non aveva potuto vantarsi di una ed una sola voce fuori dal coro angelico osannante. Si perchè sappiate che esistono, ed io le stò segretamente raccogliendo.
Per poter offrire al mondo, alla fine, la VERA classifica degli unici ed indiscutibili capolavori filmici della Storia.

 
56  #THEPENGUIN

>>> Non ho visto nulla in questo film che possa anche lontanamente essere considerato un cult movie, a me è apparso senza alcun costrutto infarcito da un sacco di canzoni, alcune peraltro carine. Purtroppo a me i musical non piacciono ed il mio voto ne è influenzato.
Il problema però è: questo è un film musicale, comico o demenziale? Il tentativo di produrre un misto tra i tre generi è stato a dir poco fallimentare perché prende molto spesso il peggio e non il meglio. In particolare trovo la parte musical la più indovinata, sul genere comico non vedo nulla che possa anche solo essere considerato esilarante, le trovate sono o di cattivo gusto oppure assurde, di certo non divertenti. Sul demenziale c’è modo e modo per mostrarlo ed in questo caso il modo è spesso e volentieri sopra le righe, non è infatti possibile che a loro non succeda mai nulla, questo non è demenziale, è avere il dono dell'indistruttibilità. In particolare gli inseguimenti dove ne escono sempre illesi ed agli altri succede il finimondo con macchine che volano neanche fosse Supercar sono patetici. La trovata dei nazisti potevano risparmiarsela, non offre nessun valore aggiunto al film. Infine il finale è di un’esagerazione incredibile.
Non mi è piaciuto il modo di trattare il rispetto della legge, molte cose sono fatte ignorando questo importante aspetto anche se, a scusante solo parziale, vi è un tentativo di mettere alla berlina queste infrazioni, tentativo a dire il vero abbastanza goffo e poco incisivo.
Negativo a mio avviso l’atteggiamento di Jake, incurante delle buone maniere, della salute sua e di chi gli sta vicino, in generale l’ho trovato di un menefreghismo altamente irritante.
Tra gli attori, nettamente migliore rispetto agli altri e l’unico che può considerare discreta la propria prestazione è Aykroyd, Belushi invece è spesso poco presente, commette vari errori e si lascia andare troppo spesso, in seguito si saprà che era spesso drogato, spiegando così il motivo della sua più che scadente performance.
Patetica l’interpretazione della Fisher al culmine del successo per aver appena girato “l’impero colpisce ancora”, in evidente stato di alcolismo e droga. È apparsa in sole 3-4 scene e Landis ha sofferto le pene dell’inferno per riuscire a fargliele girare.
Dedicato esclusivamente agli amanti dei musical, gli altri possono passare oltre. <<<




 57  #IERIOGGIEDOMANI

>>> mi aveva fatto "ridere" allora. mi ha fatto "sbellicare" stasera. non esiste un vecchio film più patetico e antiquato già sul nascere di questo. persino le parolacce sono ridicole. il doppiaggio andrebbe rifatto da cima a fondo. voci maschili da fighette... altro che guerrieri... branchi di cacasotto che ogni volta che spunta un poliziotto scappano terrorizzati. scazzottate dozzinali che davvero fanno rimpiangere bud spencer e terence hill. facce da poppanti travestiti da duri... ahahahh... non farebbero paura nemmeno a mia nonna... oggi come allora. l'unica cosa decente è una frase del film che dice qualcosa tipo "tu sei solo una delle cose che mi sono capitate stanotte, ovvero me**a". potrei dire lo stesso per commentare la fine della mia giornata con la visione di questo film. <<<




58  #CHESCIEMO

>>> La storia è poverella, i tre protagonisti assurdi, la durata insopportabile. Stringendo il brodo e mettendoci qualche femminuccia poteva venirne fuori il western.
Il biondo è il più bello e si sa che alla fine vincerà. Però che scemo! Lasciare 100.000 dollari in oro per una battuta... <<<




59.1   #FACILE

>>> francamente soporifero, soprattutto la seconda parte; la prima è soltanto bambinesca e furba insieme, nel senso che tende - e forse ci riesce pure - a voler catturare l'attenzione dello spettatore con facili mezzucci stile horror collaudato (in effetti, a differenza che negli horror tradizionali, dove si finisce per empatizzare con la vittima designata, qui si rimane completamente distaccati di fronte alle vessazioni subìte nella prima parte del film da un omone grande grosso eppur incapace di assumersi il peso del suo essere un cittadino privilegiato di questo pianeta (un americano insomma). per come la vedo io, se proprio vuoi parlare di guerra, abbi almeno la decenza di essere realistico nella tua descrizione; vale a dire, cerca di mostrare e mettere in gioco riflessioni, comportamenti, situazioni "normali", di persone mediamente normali, e soprattutto sane di mente. altrimenti, caro kubrick, io non ti seguo più. altrimenti, caro kubrick, il sospetto è appunto quello che tu cerchi l'effettaccio, il consenso facile, l'"intrattenimento" facile. <<<


 59.2   #CAROSELLO

>>> Mah , stupido , se questo tipo di film dovrebbe rispecchiare la cruda realtà della guerra e in generale della vita , c' è proprio da deprimersi .
Non c' è nessun succo in quello che passa davanti agli occhi , un carosello di triste ironia insipida colorata solo da cantilene e battute volgari trash proprio per esaltare fino agli estremi la vita dei marines , la bilancia però nella realtà non è mai così agli estremi , raccontare tutto con questo pessimismo cinico esagerato risulta davvero nauseante e per nulla realista .<<<




  
60.1  #ILMANIFESTODEFINITIVO

>>> ...non mi sono iscritto per stroncare i film che hanno una media alta (lo potete vedere dai voti che ho dato ad altre pellicole) mi dispiace solo essere un utente qualunque e non un cinefilo.....
Non sono affatto d'accordo con chi ritiene che non apprezzare questo film significa essere ignoranti o addirittura stupidi. Al massimo è una questione di gusti. C'è chi ritiene un capolavoro assoluto vedere film con scene di una lentezza estenuante e c'è chi invece preferisce una certa azione che tiene vivo il ritmo, anche in film che hanno uno spessore intellettuale.
fatta questa premessa ne voglio fare anche un altra: tra una trentina di anni quando avrò più di mezzo secolo, probabilmente sarò attaccato anche io ai film che stanno crescendo con me, li riguarderò sempre con un pizzico di nostalgia, ma non voglio far passare questi 'miei' film nel frattempo diventati ''passati'' come dei capolavori, mi vorrei limitare ad osservare come per ogni cosa il tempo passa, anche per cose che ritenevo belle....il film non mi ha(forse a volte un pò forzata) trasmesso quasi niente.. salvo solo l'interpretazione di gloria swanson...dialoghi sembrano impastati, personaggi che non trasmettano emozioni, vere e proprie cere per dirla alla holden!!! non mi ha stimolato nessuna riflessione , non ho trovato nè un processo psicologico dei personaggi, nè questi grandi dialoghi... troppo stucchevoli !!! in alcune si fa anche noioso!
insomma un film che è troppo lontano dai miei gusti!
ho visto scrivere: bello il finale!!!!!!!!!!!! cosa di più prevedibile non ci poteva essere.....leggere spoiler
p.s. :Nel leggere le molto istruttive opinioni di chi si crede di essere il grande critico del sito mi tornano in mente le mitiche scene del secondo tragico Fantozzi: mentre il mega dirigente gli obbliga a vedere la corrazzata potemkin. Come nel film il mega direttore era l'unico a credere nella mirabolante bontà della cavolata che proiettava, qui è il cinefilo che vota 10..........
ovvai... sotto con gli insulti..
penna e calamaio, c'è da scrivere!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! <<<


 60.2  #UNBORGHESEPICCOLOPICCOLO

>>> Se non fosse stato per la signora davanti che zittendomi ogni minuto mi ha fatto davvero divertire avrei ucciso chi mi ha condotto forzatamente in quel luogo di perdizione (di tempo ovviamente) un film stantio, rancido che trasuda un mielato e malodorante piccolo borghesismo, il regista purtroppo non è riuscito a cogliee il segno, e daltra parte cosa aspettarsi da chi ha diretto solo piccole commedie? mal recitato con gli attori ce si recitano addosso, ed una scenografia da cani completano il fotogramma. Ripeto evitatele se potete. p.s.:il numero di pa**e del voto non è casuale <<<


 60.3  #SINISTRAPOPULISTA

>>> Occasione mancata. Peccato per gli attori, peccato per il regista, peccato per lo spettatore che si ritrova una pellicola che ha lo spessore del nastro se questo film è brutto non è certo colpa mia e se gli attori non sanno recitare è ancora meno colpa mia! Il viale del tramonto è un film per la sinistra populista E piccolo borghese. è un film immensamente noioso e incredibilmente brutto!!!! mi sono annoiata talmente tanto che dopo 15 minuti mi è venuta voglia di dormire (cosa che non ho potuto fare in quanto avrei dovuto scrivere una relazione per il giorno dopo). ripeto che io sono molto sensibile a tutti questi temi, peccato che gli attori, incapaci di recitare come si deve, e soprattutto una regia quanto mai penosa hanno reso il film un mattoooone. <<<


60.4   #GLIINCREDIBILI

>>> L’allegoria non è un caso. Il film è di una noia mortale. La trama stenta a svilupparsi come fosse lei stessa preda della reiterata indecisione dei protagonisti. E quando sembra finalmente che per Joe Gillis (Golden) si apra finalmente una vita più serena e felice torna subito al richiamo della Norma Desmond (Gloria Swanson) la quale in un impeto di follia amorosa lo uccide. Come dicevo la storia non è credibile nessuna donna si comporterebbe in maniera così banale, e nessun uomo in maniera così vile <<<


 60.5  #ESCONODAIFOTTUTICARTONI

>>> Per dormire!!!!!!!!!!!!! questa spazzatura di film che poi dovrebbe essere un remake di un noto film di molti anni prima fa, fa cag...e. fa pietà. e' stupido dall'inizio fino alla fine. nessuno dei protagonisti è convincente. sembrano tutti usciti da un cartone animato. se holden avesse interpretato la parte di una delle statue della diva, nessuno avrebbe notato la differenza. per non parlare di tutti gli altri penosi attori. il film è davvero pessimo. penosa la sceneggiatura, penosi i ruoli e malcostruiti gli ambienti. ma che scherziamo? un film come questo non dovrebbe essere preso sul serio a meno che non si conosca il vero significato della parola commedia. dire che è un film insulso è poco. i personaggi sono tutti ridicoli e in certi casi addirittura odiosi (il solito holden che manca completamente di spessore). e le scene? una più assurda dell'altra. <<<





61   #PACCODOPPIOPACCOECONTROPACCOTTO


>>> non credo che regga l'equazione unopiùfilmhavisto= megliopuògiudicare....Non bisogna essere dei grandi conoscitori per capire che è un film ruffiano che puoi vedere volentieri perchè ha tutti gli ingredienti al posto giusto, un attore che non sa recitare ottimo per la parte del duro-buono, la ragazzina che ti eccita le voglie pedofile, un buon attore che fa il malvagio schizzato che deve essre per forza sopra le righe ( e poi tutti ad incensire Oldman che fa quella famosa smorfia di piacere in Dracula mentre qua passa inosservata quella identica che fa quando sniffa prima della strage). Insomma Besson ti preconfeziona il paccotto tutto da gustare con la bella morale che il recensore riporta come frase che meglio rappresenta il film. Un film di un francese che vuole fare il violento a New York, ma perchè mai è più valutato di un film di un americano che nello stesso anno fa un film VERAMENTE violento a Parigi? (Killing Zoe di Roger Avary). Boh? <<<




 62.1  #VIDEOLUDICO

>>> Thriller dall'intrigante ma confusa struttura narrativa che incuriosisce ma non appassiona, nonostante il discreto impegno degli interpreti, fra i quali si distingue sicuramente un valido Kevin Spacey. Il regista si ispira ai migliori modelli del "noir" classico anni 40 ma non convince, la storia e la collocazione dei personaggi hanno un taglio fumettistico e inverosimile.
Anche se questo film in America è diventato un piccolo fenomeno di culto, nel complesso non entusiasma e risulta a mio avviso in molti tratti anche noioso.Indubbiamente il giovane regista avrà un buon talento ma deve ancora lavorare molto per raggiungere il buon livello che gli viene riconosciuto. Troppi flash-back, inutili trappole ed inganni quasi da videogioco che contribuiscono a distogliere e depistare anche il più attento spettatore.Un filo conduttore confuso confluisce in un finale volutamente a sorpresa mirando ad un sensazionalismo da presa in giro per chi assiste allo spettacolo, costretto a rivedere molte scene del film per venirne a capo. La suspense cresce quando inizia il tormentone della paura del diavolo identificato nel misterioso "Kayser Sose" questo genio del male che manovra il tutto.Io credo in Dio ... recita il protagonista ... ma ho paura di Kayser Sose ... Ma che c'entra? Che confusione ... E' un Horror o un thriller? Boh!!! "Degustibus".- <<<


 62.2  #DACENSURA

>>> Il Cinema è finzione, ampollosità, pochi sono i film "veri" e puri, segue una grande accozzaglia di cavolate che paradossalmente esalta lo spettatore.
In questa lista domina beatamente "I Soliti Sospetti" pellicola del 1995.
Il film pone le proprie fondamenta sui dialoghi e sulla quasi totale assenza di azione; l'unico pregio riguarda l'"estetica" di questo film ovvero la superba fotografia, le belle e misteriose inquadrature i colori, e le ambientazioni e gli attori molto "curati", essi recitano in linea di massima bene.
Invece la lista dei difetti è infinita, usando un eufemismo pellicola confusa; in pratica il regista interseca vertiginosamente nella sua pellicola una miriade di episodi assurdi e impossibili che sdegnano l'animo di un qualsiasi attento e logico spettatore.
I colpi di scena sono routine, queste "sorprese" diventano ben presto scoccianti.
Trama mediocre, essa è l'anticamera, l'anteprima del film, passaggi improbabili si scontrano e si mescolano luridamente…
Il film non riesce a mantenersi in piedi, l'elemento "assurdità" regna perpetuamente; inoltre il ritmo blando massacra ulteriormente il film.
Il film di Bryan Singer risulta essere un completo e perfetto Flop, ma comunque la massa si ostina e loda questa pellicola, infatti la massa (che quasi sempre fa rima con ignoranza) si accontenta della retorica (dialoghi) e si fa (s)fottere da Singer, il "diabolico" regista "infarcendo" la sua immonda "torta" di scempiaggini e di passaggi poco chiari si acchiappa le Mie antipatie.
Ogni pellicola (seppur complicata) segue una determinata, stabilita logica, ma nel film in considerazione il tutto non si verifica.
Film senza logica, ma apparentemente complesso e logico, ripeto innumerevoli e irritanti colpi di scena fanno cadere il film nella melma.
"I soliti sospetti" è un film indecifrabile perchè non ha un proprio "codice"; una propria "combinazione".
Dinamica apparentemente aggrovigliata ma in sostanza inesistente.
Il regista gioca con la massa, film da censura, pellicola inconcludente che cerca follemente di emulare grandi film polizieschi del passato…<<<





Sempre più vicini all'appuntamento con Lo Speciale del periodo Fineannico colle lucine e gli orpelli scintillanti del buonismo, si attendono sotto questo rachitico bonsai inquinato il regalo delle vostre amatissime preferenze e vi si invita a spammarci un po' in giro tra amici e parenti. Risultati Garantiti!!

8 commenti:

  1. "la ragazzina che ti eccita le voglie pedofile" vince il premio Disgustorama, ma come puoi PENSARE di scrivere una roba del genere?? o__O

    La palma d'oro dello stercoraro invece oggi va a tutti quelli che si sono sentiti in dovere di massacrare Viale del Tramonto adducendo futili motivi (una poverina è stata costretta a vederlo immagino per la scuola quindi capisco il livore ma gli altri? Quello che veniva zittito dalla signora è stato fortunato, io lo avrei, per citare il Doc, finito a sputi e coppini sulla nuca).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era un mese intero che cercavo un trofeo serio su Leon, in un deserto di voci anche solo leggermente contrarie (Nikita, invece, risulta ancora disperso)...sono molto Orgoglione del ritrovamento. ^__^

      No: nessuno dei "commenti" raccolti proviene da gente "scolastica" ;) E su Viale del Tramonto, come detto in apertura, ho dovuto proprio interrompere la selezione....ci sono ancora intere praterie inesplorate: materiale che tornerà utile più avanti.

      Elimina
  2. I soliti sospetti è da roncolate in testa..."Film senza logica, ma apparentemente complesso e logico, ripeto innumerevoli e irritanti colpi di scena fanno cadere il film nella melma...." da manuale della supercazzola...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un'autentica perla, effettivamente..Tra i punti più "alti" trovati fin'ora; in lotta aperta con quella sui Blues Brothers che è, credo, un monumento a parte...

      Elimina
  3. Spinto da motivi per odiare forte il genere umano, voto Blues brothers....

    RispondiElimina
  4. Per quello dei BB, come per altri in questa raccolta, io invece provo una grande compassione..Sono i miei "bambini speciali" , esseri handicappati gravi che hanno la profonda sfortuna di non poter godere di bellissime opere visive e testuali. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Director&#39;s cult28 nov 2014, 19:45:00

      In compenso la mia recensione dei BB da te tanto amata vale come una sceneggiatura premiata con l'Oscar. XD

      Elimina
    2. Ti ci puoi giocare gli attributi a tresette, ti ci puoi!

      Elimina

Commentate, Gente, le visioni avute !!!...
Per meglio interagire col Blog si consiglia di fare click su "Unisciti a questo sito", in alto a destra nella Home page, Grazie.